Come fare copywriting in modo serio

Come fare copywriting in modo serio

Scrivere per il web richiede conoscenze specifiche: bisogna sapere come fare copywriting, come fare SEO, come attirare l’attenzione in un mondo che corre veloce, come invitare all’azione e così via.

In questo articolo ti fornirò un metodo molto efficace, su cui ci esercitiamo molto anche nella nostra scuola di scrittura online, perché può tornarti utile sia che tu voglia dare visibilità ai tuoi progetti, sia che tu voglia lavorare per progetti altrui, perché vivere di scrittura non vuol dire solo scrivere propri libri, ma attivarsi a 360°, anche con il copywriting su commissione.

 

Come fare copywriting: partire con il piede giusto

Come dico sempre anche nelle mie sessioni di coaching, non si può pensare di raggiungere un obiettivo se prima non si fissa un obiettivo. In questo articolo ti ho parlato di come individuare obiettivi realistici.

Qui ti voglio dire che, per partire con il piede giusto, prima di scrivere anche una sola riga di copywriting, devi necessariamente sapere 3 cose:

  • Qual è il tuo obiettivo
  • Qual è il tuo pubblico
  • Qual è il prodotto da vendere

Degli obiettivi ne ho parlato, come dicevo, per quanto riguarda il pubblico, invece, è chiaro che sia necessario sapere a che persone ci rivolgiamo. Quali sono i loro problemi, le loro necessità e le loro esigenze? Più ne sai e più ti sarà facile scrivere il tuo testo.

Il prodotto da vendere si lega agli obiettivi e al pubblico, inserendosi come la soluzione finale. Come puoi risolvere quei problemi? Cosa vuoi che il pubblico faccia? Ma soprattutto il tuo prodotto dovrà rispondere alle WH questions del giornalismo:

  • what (cosa) – di cosa si tratta?
  • why (perché) – perché è stato inventato?
  • where (dove) – dove ha avuto origine?
  • when (quando) – quando ha avuto origine?
  • who (chi) – chi lo ha inventato?
  • how (come) – come è fatto e come funziona?

Una volta chiari questi punti, potrai mettere in atto quella che potremmo definire la planimetria, o la struttura del tuo copywriting.

 

Come fare copywriting: la struttura del tuo lavoro

Grazie a questo metodo non soffrirai più della crisi da pagina bianca, se lavori come copywriter (o aspiri a farlo e sei agli esordi). In questa fase non devi pensare alla creatività, resta con i piedi ancorati a terra e scrivi esattamente come stanno i fatti. Poi condirai il tutto con la fantasia.

Il piano punta a rispondere a 5 domande di base.

  1. Qual è il problema del tuo pubblico? In questa fase scrivi alcune frasi sul problema. Molte persone arriveranno sul tuo articolo (o sulla pagina) senza avere neppure idea che quello sia il loro problema. Lo scopriranno leggendo ciò che hai scritto, in molti casi.
  2. Perché il problema persiste? Qui dovrai scrivere alcune frasi sul perché sinora il problema non è stato ancora risolto, perché il tuo pubblico ancora è all’interno del problema.
  3. Cosa si può fare? Questo è un punto fondamentale, perché mostra le soluzioni, si attesta sul mondo del “e se…”. Si tratta di un esercizio molto utile, che utilizzo anche nelle mie sessioni di coaching. Chiedo ai miei clienti “e se non avessi più questo problema, come vivresti?” o cose del genere. Porta la mente di chi ascolta o legge verso un universo positivo, fatto di soluzioni. E siccome la maggior parte delle vendite avviene per emozioni, e siccome le persone non ricordano cosa dici, ma come le fai sentire, scrivere bene questa parte è fondamentale per catturare l’attenzione.
  1. In cosa sono speciale? Qui scrivi alcune frasi sul come il tuo prodotto o servizio si differenzia dagli altri e perché dovrebbero scegliere proprio te. Questa è la famosa Unique Selling Proposition (USP).
  2. Cosa fare? Qui passiamo alla cosiddetta CTA (call to action), ovvero l’azione che vogliamo il nostro utente compia. Vuoi fargli visitare una pagina specifica? Vuoi fargli acquistare subito il prodotto? Sta a te decidere, ma tieni sempre conto che la maggior parte degli acquisti avviene su prodotti semplici da acquistare, in massimo 2 o 3 click. Pensa a come Amazon abbia sfruttato questo punto: se hai configurato tutto, basta addirittura un solo click su “acquista ora”. Impariamo dai più grandi.

 

Come fare copywriting: mettici emozione

Ok, ora hai tutto chiaro, il tuo progetto è lì nella tua testa e sul tuo foglio. Però non basta per fare copywriting fatto bene. Ora devi metterci le emozioni, perché le persone comprano con l’emozione e giustificano con la ragione, come accennavo prima.

Come farlo? Alcune strategie possono aiutarti.

La prima è quella di utilizzare gli elenchi a punti: chiariscono meglio i dettagli e possono essere utilizzati per inserirvi brevi storie, o elementi emotivi.

Un’altra soluzione è quella di inserire le garanzie “soddisfatti o rimborsati”, o qualcosa del genere. Può andar bene anche “acquista in sicurezza sui nostri server”. Insomma, qualcosa che dia ancora più fiducia, al possibile acquirente.

Qualcuno dice anche di inserire le famose scadenze. Sì, a volte funziona giocare contro il tempo, ma ormai siamo molto smaliziati e spesso pensiamo che sia tutto fasullo e che sia la solita strategia da venditore a tutti i costi. A me non piace molto, a meno che non abbia un senso, come il Black Friday.

Utilissime sono anche le recensioni di chi ha già usufruito del prodotto o servizio, statistiche di efficacia, casi studio, testimonianze… ulteriore segno di qualità che genera fiducia. Ma l’importante è che si tratti di recensioni e garanzie vere e sincere, non ingannare mai chi si affida a te!

Tutto questo, però, è un supporto e vale a poco o niente, come dicevo, se dietro non c’è un testo carico di emozioni e di sentimenti. Non vuol dire che devi scrivere una poesia struggente ed esagerare, ma devi metterci cuore, nello scrivere ciò che hai tirato fuori nei 5 punti precedenti.

Usa parole calde, le cosiddette “hot words”, che richiamano emozioni e sensazioni sensoriali. Non dire “ecco qui il mio prodotto, che ti cambierà la vita”. Usa qualcosa che emozioni anche te, magari “come sarebbe la tua vita con questo prodotto? Nuova? Felice? Emozionante? Provalo e ce lo dirai.”

Le hot words sono infinite, sta a te scegliere quelle giuste al momento giusto. Le riconoscerai perché daranno calore umano e belle sensazioni, al tuo scritto. Nella scuola online di scrittura passiamo molto tempo nel correggere e correggere ancora i testi degli studenti. Ed è normale. Servono prove e impegno, per arrivare al testo giusto.

Poi, con l’esperienza tutto sarà più semplice.

Puoi usare le hot words anche nella call to action. Non scrivere semplicemente “compra ora”. Inserisci nel pulsante qualcosa come “cambia vita”, oppure “entra nel futuro” e cose di questo genere adatte al prodotto che stai cercando di vendere.

 

Come fare copywriting: conclusioni

Come hai visto, ci sono diverse strategie per trasformare un semplice testo in qualcosa di fenomenale. Mettici sempre il cuore e lavora in onestà. Il resto è tecnica e studio, devi imparare e fare tanta pratica. Anche con noi, se vuoi.

Se scriverai dei buoni testi, potrai anche creare pagine che ti garantiranno vendite continue e automatiche. Ma dietro ci deve sempre essere un gran lavoro.

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnata da *