Pubblicare un libro gratis

Pubblicare un libro gratis

Ma quanto costa pubblicare un libro? Non si può pubblicare un libro gratis? Molti me lo chiedono. Molti altri, invece, non approfondiscono il tema e si arenano davanti a questo apparente ostacolo. Eppure, ci sono molti modi per pubblicare un libro gratis. Seguimi e te li mostrerò.

Prima di tutto, cliccando sul link di seguito potrai scaricare gratuitamente la mia guida su come pubblicare un libro gratis. In questo articolo, invece, voglio darti qualche altro consiglio, così da facilitarti ancor più il lavoro.

Sì, perché, grazie al web e al self publishing, oggi è possibile pubblicare un libro senza spese. Abbiamo una fortuna che anni addietro gli amanti della scrittura nemmeno potevano sognare.

Se hai sempre pensato che servono costi esorbitanti per farsi realizzare la copertina, l’editing, per pubblicare, stampare e vendere, sappi che non è così. Per quanto riguarda la parte di pubblicazione, stampa e vendita, in particolare, questo è onere del servizio di self publishing. A te non costa nulla.

Per quanto riguarda il resto, invece, puoi fare come ho fatto io, ai tempi della prima edizione di “Casus belli”. Ora ti spiego.

 

Come creare la copertina di un libro gratis

Per la copertina, ho usato uno dei tanti programmi di grafica gratuiti. Nello specifico, GIMP. Quindi, non occorre comprare programmi costosi e professionali, come Photoshop. Tutto sta nella qualità della foto.

Mi sono impegnato per inventarmi qualcosa di carino che non andasse, poi, rilavorato troppo con GIMP (anche perché non sono un mago della grafica). Così, ho preso un foglio A0 di colore nero e una tempera rossa.

Mi sono spalmato la tempera sulle mani e ho lasciato l’impronta delle mie mani “insanguinate” sul foglio nero. Ho fotografato, stando attento alle luci della stanza, in modo che il nero venisse bello e uniforme. E… tac! Finito.

Con GIMP ho poi messo solo titolo, genere e autore, creando un file delle dimensioni che raccomandava Lulu.com (con cui stavo per pubblicare).

Fare foto di ottima qualità, oggi, non è difficilissimo. Molti di noi dispongono di uno smartphone, o hanno amici che ne possiedono uno. Basta utilizzarlo a dovere! Si possono fare foto in alta definizione a costo zero. Foto da poter poi riutilizzare come copertina.

Come vedi, la difficoltà, in questo caso, così come nella stesura vera e propria del testo, non sta nel rimediare la tecnologia giusta, ma nell’utilizzare al massimo la propria creatività.

E questo non lo si può comprare. Lo si può apprendere. Con la pratica, o con sessioni di coaching.

 

Come fare editing gratis

Non avendo i soldi per affidarmi a un editor professionista, all’epoca, cosa ho fatto? Ho selezionato 3 miei amici, appassionati di lettura e molto pignoli (una di loro è addirittura professoressa di Lettere e Filosofia) e mi sono affidato a loro.

Ho consegnato il mio libro e ho chiesto agli amici di segnalare ogni tipo di errore. Non avrebbero dovuto correggerlo, solo segnalarlo. Poi avrei rilavorato io, il testo.

Così hanno fatto.

E il lavoro è venuto fuori niente male. Ovviamente, non era un prodotto iper-professionale, ma poteva essere commercializzato senza problemi. Era leggibile e la storia non aveva falle logiche. Perfetto, per iniziare e farmi conoscere.

Poi avrei reinvestito i soldi guadagnati per creare il prossimo libro in maniera ancora migliore (o pubblicare una nuova edizione dello stesso).

E così feci.

Il percorso, come vedi, va affrontato passo-passo. Molti esordienti pensano di passare dallo start alla meta senza percorrere l’intero tragitto. Non si può.

Per questo motivo, tra le altre cose, nel coaching aiutiamo i clienti a suddividere in maniera logica un grande obiettivo in tanti piccoli obiettivi facilmente raggiungibili.

 

Come creare un eBook gratis

E per creare l’eBook? Non problem!

Ho scaricato due programmi gratuiti: Calibre e Sigil e poi:

  • ho trasformato il mio file Word “.doc” in “.rtf”, sempre con Word (basta scegliere “salva con nome” dal menu “file”)
  • ho importato il nuovo file in Calibre e l’ho trasformato in un “epub”
  • ho preso il nuovo file e l’ho aperto con Sigil
  • L’ho impaginato, nei punti in cui la conversione aveva creato qualche piccola inesattezza (tipo degli “accapo” non voluti e cose così) e l’ho salvato
  • ho aperto di nuovo il file “epub” con Calibre e l’ho trasformato in formato “mobi” per i lettori di Kindle.

A questo punto ho inviato “epub” e “mobi” a Lulu.com.

Il tutto ha richiesto circa un’ora di lavoro. Anche in questo caso, basta un po’ di pratica.

Se non sai come utilizzare Sigil e Calibre, qui trovi un tutorial.

 

Come promuovere il tuo libro gratis

Anche la promozione può essere fatta gratis. I metodi sono diversi:

  • puoi prendere contatti con blogger e youtuber influenti che si occupano di libri, i cosiddetti BookTuber. Prima invia loro un’email di cortesia e presentati. Poi, se si rendono disponibili, invia loro l’eBook e chiedi una recensione. Qui trovi una lista dei più quotati BookTuber.
  • Puoi aprire un tuo blog con servizi come WordPress o Blogger. Ti basterà creare un account e poi impostare le specifiche grafiche del sito. Se pensi che non siano servizi validi, perché gratuiti, sbagli di grosso. Anche John Locke, il primo a vendere un milione di eBook su Amazon, autopubblicandosi, ha fatto promozione su WordPress, all’inizio.
  • Puoi anche promuoverti sui social network senza avere per forza un sito web o un blog. Chiaramente le dinamiche di promozione e i linguaggi di comunicazione cambieranno. Puoi anche affiancare le presenze social a un sito o blog. Sta a te scegliere come muoverti.

Insomma, come puoi vedere, gli spazi e le occasioni non mancano. Ma ricorda che ciò che fa davvero la differenza sono la qualità dei tuoi lavori, la creatività, la tua capacità di pianificare e la strategia che utilizzerai.

Ecco perché, nonostante sia così semplice autopubblicarsi, sono pochi quelli ce la fanno: la maggior parte degli esordienti crede che basti scrivere un libro e metterlo in vendita per attirare folle di fan indemoniati pronti a comprare l’opera. Non è così… mi dispiace…

Occorre studiare e pianificare per bene la propria attività. Altrimenti si rischia di fallire e fermarsi.

6 Commenti

  • ROBERTO GUFFANTI Posted 11 settembre 2017 10:42

    VORREI PUBBLICARE UN NUOVO LIBRO SACRO.

  • Serena Posted 10 ottobre 2017 13:23

    Ciao Roberto come posso fare a farmi pubblicare delle storie per bambini?
    Grazie.

  • Calogero Posted 3 marzo 2018 14:08

    Parole sante! Senza studio e pianificazione non si va da nessuna parte. E’ chiaro che per sfondare bisogna scrivere una storia di qualità, ma se poi ci si ferma a questo… non si può pretendere che a un libro crescano le zampette e raggiunga i lettori in piena autonomia, intanto che l’aspirante self publisher si gratta la prancia pensando a cosa scrivere nel prossimo libro.
    E soprattutto, quando si lavora per pubblicare l’opera prima, ci vuole tanta pazienza, perché le difficolta si nascondono dietro a ogni angolo. Difficoltà date, appunto, dall’affrontare un’esperienza del tutto nuova di fronte alla quale non si è sufficientemente preparati. Basta mettersi di buzzo buono e affrontarle con impegno una per volta… niente di proibitivo.

    • Roberto P. Tartaglia Posted 4 marzo 2018 17:05

      Questo è l’approccio vincente, Calogero. Ottimo!

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnata da *